NEWS

Xiaomi lancia la fotocamere da 48 megapixel sullo smartphone low cost
Post by: Mv service
09/11/2020 16:15

Xiaomi Redmi Note 7 è un dispositivo di fascia media che monta una fotocamera ad altissima risoluzione. Ancora sotto embargo il lancio in Italia

(Foto: Xiaomi)

Sapevamo da tempo che il 2019 sarebbe stato l’anno dei primi smartphone con fotocamere da 48 megapixel (Mpixel), grazie alle rivelazioni di Sony e Samsung che si sono dichiarate entrambe al lavoro su questa tipologia di sensori e desiderose di venderne a vagonate ai produttori partner. Quel che era più difficile immaginare era che uno dei primi dispositivi a vantarne una sarebbe stato un gadget da 150 euro. Presentato in queste ore, Xiaomi Redmi Note 7 è un dispositivo di fascia media destinato a far parlare di sé per un rapporto tra prezzo e specifiche tecniche molto particolare.

(Foto: Xiaomi)

Note 7 è il primo dispositivo presentato da quando Xiaomi ha deciso di trasformare il brand Redmi in una vera e propria società controllata, e forse per questo rappresenta una vera e propria dichiarazione di intenti per il gruppo.

La fotocamera posteriore da 48 Mpixel è fornita da Samsung e, a fronte di elementi fotosensibili più piccoli della media, vanta un sistema capace di combinare le informazioni di quattro in uno, per ottenere scatti da 12 Mpixel nelle condizioni di luce più difficili. La risoluzione elevata, unita ad algoritmi di intelligenza artificiale integrati, dovrebbe aiutare a ottenere foto decisamente dettagliate e primi piani di qualità. Dal momento che il sensore è al debutto è difficile prevedere come si comporterà il telefono in ambito fotografico ma le aspettative — per lo meno relativamente a questa fascia di prezzo — sono alte.

(Foto: Xiaomi)

Del resto neanche le altre caratteristiche sembrano quelle di un telefono economico. Il display da 6,3 pollici full hd è privo di bordi fatta eccezione per un piccolo notch a goccia che ospita una fotocamera da 13 mpixel, il processore è un onesto Snapdragon 660 coadiuvato da 3, 4 o 6 gb di ram, la memoria interna parte da 32 gb ed è espandibile tramite schede microsd e la batteria da ben 4000 mAh dispone di ricarica rapida. Il sistema operativo Android 9 (con interfaccia Miui 10) e la scocca in vetro con gradiente colorato assicurano infine un’esperienza d’uso piacevole anche dal punto di vista estetico.

Resta da capire quando il gadget arriverà in Italia, perché di comunicazioni in merito non ne sono ancora state fatte. I prezzi annunciati in effetti sono relativi al mercato cinese e sono di circa 125, 150 e 180 euro per le versioni nei tre tagli di memoria ram differenti. All’arrivo nel vecchio continente i prezzi sono destinate ad aumentare leggermente, ma non abbastanza da rendere il telefono meno interessante.


Fonte: WIRED.it