NEWS

Facebook è preinstallato su alcuni modelli di smartphone Samsung e non si può cancellare
Post by: Mv service
18/11/2020 16:15

L'accusa di Bloomberg si riferisce ad accordi tra Facebook e i produttori di smartphone, discutibili ma che fino a pochi anni fa non hanno destato problemi

immagine: Pixabay

Dopo gli scandali che hanno travolto Facebook nel corso degli ultimi mesi in molti hanno giustamente iniziato a guardare al social network di Mark Zuckerberg con occhi diversi. È anche per questo che Bloomberg ha portato alla luce in queste ore un fatto del quale in realtà qualcuno è già sicuramente a conoscenza: su alcuni modelli di smartphone l’app del social network non solo arriva preinstallata con il sistema operativo, ma non si può neppure cancellare.

Nello specifico i telefoni finiti sotto accusa da parte di Bloomberg sono alcuni modelli di smartphone Samsung — anche se non tutti e non in tutte le aree geografiche. Su questi dispositivi in effetti l’app appare in bella vista tra quelle preinstallate, ma l’opzione per disinstallarla non è disponibile. Il fenomeno però è tutt’altro che nuovo, tanto che per il suo reportage Bloomberg è partito dalla denuncia di un utente insoddisfatto del suo Galaxy S8, classe 2017. La novità rispetto a due anni fa sta nel fatto che negli ultimi 24 mesi la reputazione di Facebook in fatto di protezione della privacy e di livello qualitivo dell’esperienza d’uso si è deteriorata sensibilmente, motivo per cui su accordi di questo tipo — stretti a porte chiuse tra Facebook e le aziende produttrici — ha iniziato ad esserci e ci sarà inevitabilmente sempre più attenzione da parte degli osservatori. Del resto è comprensibile che chi compra un telefono non voglia trovarsi inconsapevolmente e inevitabilmente a bordo un’app associata allo scandalo Cambridge Analytica e afflitta da problemi di fake news, hate speech e simili.

Facebook dal canto suo ha commentato che gli utenti toccati dal problema e desiderosi di far sparire Facebook dalla faccia del proprio smartphone possono comunque disabilitare l’app. L’effetto effettivamente è identico: in questo stato il software — pur rimanendo presente nella memoria di stoccaggio del telefono — non può avviarsi e scompare dalla lista delle app; le sue attività, comprese quelle in background, sono insomma prevenute, come se non fosse presente.


Fonte: WIRED.it